Bonifiche e rimozione amianto

Con la cessazione dell’impiego e della produzione dell’amianto, Awell Energy si è specializzata ed abilitata alla
rimozione di coperture di amianto.

L’amianto è un minerale naturale dalla struttura fibrosa. Se disperso nell’aria, diventa pericoloso per chi lo inala.

Per le particolari caratteristiche prestazionali di queste fibre, questo materiale è stato impiegato sino agli Anni ‘90 per realizzare prodotti industriali: oggi si riscontra con puntualità la presenza dell’amianto in ogni ambito.

La bonifica dei materiali che lo contengono è un’operazione assai complessa, sia da realizzarsi operativamente sia perché soggetta a particolari misure di sicurezza.

Noi di Awell Energy  ci avvaliamo di uno staff tecnico e commerciale qualificato e dinamico che non solo darà celere e specifica risposta al cliente, ma si occuperà di rimuovere vecchie e degradate coperture, sostituendole con rivestimenti nuovi,con materiale certo più idoneo.

Cos‘è l’amianto

Awell Energy ti elenca i procedimenti per la bonifica amianto, ma che cos’è questo materiale?

L’Amianto è molto comune in natura. È resistente al calore e di struttura fibrosa, particolarità che lo hanno reso per molto tempo materiale adatto per indumenti e tessuti d’arredamento a prova di fuoco. È nocivo per la nostra salute al punto che se n’è vietato l’utilizzo. Le polveri contenenti fibre d’amianto, se vengono respirate, possono causare gravi patologie, come ad esempio il tumore della pleura ed il calcinoma polmonare. L’amianto è stato utilizzato fino agli Anni 80 per la produzione della miscela cemento-amianto (eternit) per la costruzione di edifici, tetti, navi e treni; inoltre, è stato usato anche come materiale per l’edilizia, nelle auto, nella fabbricazione di corde, plastica e cartoni. Nel 1930, a seguito di studi medici che dimostrarono il rapporto stretto tra utilizzo di amianto e tumori, il Regno Unito riconobbe la natura cancerogena dell’amianto. In Italia l’impiego dell’amianto è fuorilegge dal 1992.

I metodi di bonifica dell’amianto

La bonifica dell’amianto può avvenire attraverso l’utilizzo di tre metodi: la rimozione, cioè eliminando materialmente la fonte di rischio; l’incapsulamento, cioè impregnando il materiale con l’uso di prodotti ricoprenti e penetranti; e in ultimo il confinamento, vale a dire installando delle barriere in modo da isolare l’inquinamento dall’ambiente.

Rimozione

Si tratta del procedimento maggiormente utilizzato ed elimina ogni potenziale fonte di esposizione.

Incapsulamento

Consente di ricoprire ed inglobare le fibre di amianto. I costi e i tempi di intervento sono più contenuti rispetto al procedimento di rimozione, e poi non è necessario applicare un materiale sostitutivo; di conseguenza non vengono prodotti rifiuti tossici. La cosa più importante è che il rischio è minore per i lavoratori addetti e per l’ambiente, c’è solo bisogno di un programma di controllo e manutenzione in quanto l’incapsulamento può alterarsi e venire danneggiato.

Confinamento

con il confinamento si installano delle barriere in modo da isolare l’inquinamento dall’ambiente.

Contattaci subito per un PREVENTIVO GRATUITO inviaci una e-mail: